• 15 Novembre 2019

La personalità degli alberi

La personalità degli alberi

La personalità degli alberi 1024 460 EcoCircus la greenEcomedy di Luca Regina

Giardini Reali – Torino – Anno Domini 1977

Da bambino mi ricordo che la nostra maestra ci portava al parco a raccogliere le foglie.
Ai Giardini Reali, a Torino, anni ’70.

Foglie che poi venivano messe in un quaderno che diventava la nostra piccola enciclopedia dell’albero.
Quanti nomi nuovi per noi, faggio, ippocastano, betulla…
Forse è li che è nata la mia passione per gli alberi.
Da sempre mi piace osservarli, mi sembrano delle persone.
Persone che amano stare in gruppo o da sole.
Ognuna pettinata in modo diverso.
E grazie alla pettinatura mi immagino anche il carattere e la personalità di ogni albero.

Dai, il cipresso, con la sua forma appuntita, un po’ se la tira. Ha qualcosa di aristocratico.

La palma, è solare, ama la vita notturna e durante il giorno, se potesse starebbe tutto il giorno a bere latte di cocco ghiacciato al beach bar.

E il salice piangente?

È un po’ stizzoso secondo me, e al minimo problema è uno che inizia a piangere. Si, il nome è azzeccato.
Quando poi c’è la nebbia, gli alberi diventano dei giganti solitari che ci guardano. Capisco chi li abbraccia e secondo me a loro piace essere abbracciati. Abbracciati si ma non tagliati e seviziati, cavolo!

Ultimamente ho visto un platano di 700 anni. Cioè dico, 700 anni!!!
Ma quante ne ha viste e quanti abbracci e oltraggi avrà ricevuto?
Ma alla fine, ha vinto lui.

È ancora li ad osservarci, noi che pensiamo di avere solo diritti e mai doveri nei confronti della natura.
Ricordo poi che ogni volta che trovavo una foglia che mi piaceva correvo a vedere sul mio quaderno di quale albero si trattava.
Che tempi quelli… oggi se si vuole imparare a riconoscere un albero basta scaricare un’applicazione sul telefonino e il gioco è fatto!
Io per esempio ho provato Picture This e devo dire che è veramente fatta bene ed è semplicissima da usare.
Basta fare una foto a una foglia o a un albero e il gioco è fatto!
Se vi interessa conoscere un po’ di più il mondo degli alberi ve la consiglio vivamente anche se è un po’ meno poetica del nostro vecchio quaderno con le foglie incollate sopra…

E tu, che albero sei?

Ma Luca Regina chi?

Un comico dissacrante, un abile intrattenitore, uno spumeggiante comunicatore, un virtuoso della magia, un ricercatore dell’assurdo.

GUARDA IL VIDEO!

Lascia una risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.